Blog

orticolario 2014

Orticolario 2014, tra percorsi olfattivi e tradizione.

Si è chiusa ieri la sesta edizione di Orticolario, sulle sponde della stupenda location di villa Erba a Cernobbio. Il tema di questo anno era la "visione olfattiva", il connubio tra i sensi, in un percorso di fragranze, dalle più delicate alle più decise, al fine di evocare ricordi ed eventi celati nella nostra mente.

 “Il giardino è un viaggio… Da preparare, da vivere, da godere intensamente, passo dopo passo… Per scoprire nuove emozioni e riappropriarsi del proprio tempo. Per questo Orticolario va vissuto in tutta la sua intensità, prendendosi il tempo per farsi sorprendere dalla bellezza e dall’eleganza offerte da questa esperienza unica, ospitata nel luogo tanto amato da Luchino Visconti, Villa Erba.
Per chi è aperto alle suggestioni, Orticolario è l’occasione per evolvere le proprie conoscenze sul giardinaggio inteso come attività ma soprattutto come esperienza dei sensi”

(Moritz Mantero, noto imprenditore comasco del tessile e anima operativa di Orticolario).

Oltre agli espositori consueti e alle installazioni, tra cui il giardino dei veli, per questa edizione, Orticolario è uscito dai confini della Villa per appropiarsi di spazi urbani della città di Como, avvolgendola di verde e di ancora maggiore bellezza.

Il fiore simbolo di questa sesta edizione è l'Aster, quello che io ho sempre chiamato Settembrino, proprio per la sua peculiarità di fiorire inaspettatamente a settembre! Aster, dal latino stella, diventa il punto focale del giardino come simbolo di amore, fedeltà e gioia.

Adesso vi lascio alle fotografie, le quali hanno un grande pregio: sanno spiegare più di infinite parole!